Degustare

Ricette

PEPERONI CON BAGNA CAUDA

Cuneo Consigliato da un membro rotary

Ricetta

Ripulire con cura i peperoni, tagliateli a falde ed eliminate i semi. Portare ad ebollizione una pentola díacqua salata con un bicchiere scarso di aceto, immergervi i peperoni e farli cuocere a fuoco moderato per 30 minuti.
Intanto preparare la bagna cauda. Sbucciare líaglio, metterlo in un tegame, coprirro con il latte e far cuocere a fiamma mo...

Ravioles al Castelmagno

Cuneo Consigliato da un membro rotary

Sono gnocchi di patate tipici della Valle Varaita dalla caratteristica forma allungata e tipici della cucina occitana.
Il Castelmagno (già sulle tavole di Carlo Magno) è  un formaggio prodotto con il latte proveniente da mucche pascolanti nell'alpeggio della Valle Grana e comunque nella zona. Più latte dí alpeggio c'è più il Castelmagn...

Civet di camoscio

Cuneo Consigliato da un membro rotary

Ricetta

Tagliare la polpa di camoscio e sistemarla in una terrina con il sedano, la cipolla e le carote a pezzetti, l'alloro, il rosmarino, i chiodi di garofano, le bacche di ginepro, la cannella e alcuni grani di pepe. Ricoprire con il vino e lasciar marinare per un giorno in un luogo fresco. Al momento della cottura soffriggere in un tegame il burro con il lardo tri...

Torta di nocciole

Cuneo Consigliato da un membro rotary

La torta di nocciole, specialità piemontese tipica in particolare delle Langhe, è un dolce dalle origini contadine e povere, che le massaie d'un tempo preparavano per il periodo natalizio per utilizzare le nocciole avanzate dal raccolto estivo. Proprio per via della sua origine contadina e delle numerose varianti e aggiunte che se ne potevano rinvenire (cacao, rhum, niente far...

Bonét

Cuneo Consigliato da un membro rotary

Il bonét è un budino di antichissima tradizione, tipico del Piemonte, a base di uova, zucchero, latte, liquore (solitamente rhum) e amaretti secchi. Può presentarsi con o senza cioccolato o cacao: il bunét alla monferrina non presenta nè cacao nè cioccolato; inoltre il bunet tradizionale piemontese, fatto in casa dalle nonne, non era a base di Rhum, ma ...

Polenta e uccelli

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

Ricetta

Infilate gli uccellini spiumati e puliti nello spiedo alternandoli con le fettine di lombo di maiale arrotolate come involtini con foglie di salvia.
Nel recipiente che si è soliti porre sotto lo spiedo per raccogliere l'unto di cottura e che si chiama leccarda sciogliete il burro con il quale spalmerete gli spiedini per tutto il corso della cottura...

Casoncelli alla bresciana

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

Ricetta

Preparate la pasta impastando bene sulla spianatoia la farina con un pizzico di sale, le uova e, se necessario, con un po' di acqua per circa 10 minuti e, con la pasta ottenuta, tirate 2 sfoglie sottili avendo cura di non farle asciugare.
Nel frattempo in un tegame a parte fate soffriggere il burro e l'olio extravergine di oliva con la cipolla affetta...

Manzo di Rovato all'olio

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

Rovato vanta una tradizione pluricentenaria nei campi dell'allevamento e della macellazione degli animali, nonché del commercio delle carni. In particolare, la carne di manzo è conosciuta in tutta Italia per la sua eccellente qualità e costituisce la base di preparazione per gustosi bolliti misti e, soprattutto, per il caratteristico manzo all'olio tradizionale di R...

Polenta tiragna

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

La polenta tiragna, o taragna, non ha una ricetta ben precisa, ne esistono molte varianti, che si distinguono per il tipo di farina usata – di mais e/o di grano saraceno – e per la quantità e la tipologia di formaggio utilizzato. Verso la fine della sua cottura, infatti, vengono incorporati formaggi freschi come il gorgonzola, la robiola, lo stracchino di montagna e per finir...

Trippa alla bresciana

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

La trippa è un piatto bresciano povero ma per certi versi viene considerato un piatto della memoria. Nelle bettole e nelle osterie di una volta, ormai scomparse, la trippa era una vera regina. Una regina povera, perché oltre alle verdure e al brodo non ha mai trovato grandi accompagnamenti. Per moltissimo tempo la trippa venne preparata con una grande quantità di brodo in m...

Tinca ripiena

Clusane d'Iseo (Brescia) Consigliato da un membro rotary

La tinca del lago d’Iseo è l’ingrediente principale di una ricetta le cui origini risalgono all’Ottocento. Questo piatto ha reso famoso un intero paese, Clusane d’Iseo, oggi celebre per i suoi ristoranti e per la Settimana della Tinca al forno, una manifestazione che si tiene ogni anno a metà luglio.


Ricetta

Pulire il pesc...

Piccioni farciti alla bresciana

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

Il piccione ripieno è stato nel secolo passato uno dei secondi piatti preferiti dalla borghesia lombarda. Il piccione farcito alla bresciana è una variazione sul tema del piccione arrosto in tegame o al forno, preparato in tutta l'area padana. Questo, alla bresciana, si distingue per la farcia dalla nota gustativa leggermente amarognola, apportata dalle mandorle, che ne sottol...

Bossolà bresciano

Brescia e provincia Consigliato da un membro rotary

Il Bossolà bresciano è un dolce tipico tradizionale natalizio della provincia di Brescia (Lombardia), ma che viene messo in produzione già dal giorno di Tutti i Santi o alla Commemorazione dei defunti e continuato poi per tutte le festività natalizie. Ha forma di ciambella con il buco.


Ricetta

Scaldare il latte senza portarlo a ebol...

Risotto alla milanese

Milano Consigliato da un membro rotary

Il risotto giallo non è un'invenzione milanese. Una ricetta quasi identica appare in un manoscritto francese del 1370 del Cuoco Reale Taillevent. La paternità milanese si deve quindi ad una leggenda. Nel 1574 la figlia di Valerio di Fiandra, il pittore che lavorava alle vetrate del Duomo di Milano, si sposò con un'allievo del padre. La caratteristica principale di q...

Cassoeula

Milano Consigliato da un membro rotary

La cassoeula, italianizzata in cazzuola o cazzola, oppure bottaggio (probabilmente derivante dal termine francese potage) è un piatto invernale tipico della tradizione popolare e della cucina milanese e lombarda. La leggenda afferma che Arturo Toscanini fosse ghiotto di cassoeula. Oggigiorno è il "piatto forte" di numerose sagre lombarde, sia invernali sia estive. Il pia...

Costoletta alla milanese

Milano Consigliato da un membro rotary

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare la costoletta, uno dei piatti più tipici e conosciuti di Milano, ha origini molto antiche. È infatti citata col nome di “lompolos cum panito” nella lista di vivande offerte a pranzo da un abate ai canonici di S. Ambrogio nel 1134. A dispetto delle sue antiche origini, però, nel XIX secolo la paternità della cost...

Panettone

Milano Consigliato da un membro rotary

Il panettone, in lombardo panaton o panatton, è un tipico dolce milanese, associato alle tradizioni gastronomiche del Natale e ampiamente diffuso in tutta Italia. Il panettone tradizionale lombardo è notoriamente quello basso. Le origini del panettone sfumano a tratti nella leggenda.


Ricetta

Sciogliere 10 g di lievito di birra con acqua o latte t...

Busecca matta

Monza Consigliato da un membro rotary

La busecca matta è una preparazione milanese che viene anche detta, meno romanticamente, uova in trippa: la busecca è infatti la trippa in milanese. E' una variante povera a base di uova di un piatto povero, la trippa. Oggi è considerato invece un piatto ghiotto.


Ricetta

Preparare il sughetto: tagliare a pezzettini la pancetta e farla ...

Zuppa pavese

Pavia Consigliato da un membro rotary

La zuppa alla pavese è un piatto appartenente alla tradizione gastronomica di Pavia e consiste in una zuppa in brodo costituita da pane raffermo casereccio, da formaggio e da un uovo fresco al centro. Secondo la tradizione, la ricetta ebbe origine da un episodio che vide protagonista Francesco I di Francia il quale, durante la battaglia di Pavia, fu fatto prigioniero e subito dopo condot...

Tortelli di zucca

Mantova Consigliato da un membro rotary

E' il piatto simbolo della cucina mantovana, ma è diffuso, con poche varianti, anche nelle vicine province di Parma, Reggio 'Emilia, Ferrara e Cremona. L'origine dei tortelli di zucca risale a dopo il 1500, all'affermarsi della coltivazione dei nuovi ortaggi provenienti dall'America Centrale. Lo scopo di tali preparazioni era di ottenere un piatto gustoso e nutriente,...

Torta sbrisolona

Mantova Consigliato da un membro rotary

La sbrisolòna (anche detta sbrisulòna, sbrisolìna, sbrisulùsa o sbrisulàda) è un dolce del originario della città di Mantova il cui nome deriva dal sostantivo brìsa, che in mantovano vuol dire briciola. Pare che la ricetta risalga a prima del '600 quando arrivò anche alla corte dei Gonzaga. Si tratta di una torta di povere origi...

Casonsèi de la bergamasca

Bergamo Consigliato da un membro rotary

I Casonsei de la Bergamasca sono uno dei piatti forti della cucina bergamasca. Nati per utilizzare gli avanzi di carni suine e bovine, sin dall’Ottocento hanno ottenuto gli onori della tavola sia per la sfoglia che per il ripieno, il quale con il passare del tempo si è arricchito del sapore dell’amaretto, dell’uva sultanina, della pera spadona o abate e della scorza di ...

Scarpinocc de Parr

Parre (Bergamo) Consigliato da un membro rotary

Gli Scarpinòcc costituiscono una delle peculiarità della cultura popolare parrese, dato che hanno sempre accompagnato tutte le occasioni di festa. Il nome si riferisce alla loro forma che richiama vagamente quella delle omonime calzature artigianali di panno in uso fino a pochi anni fa in questo stesso paese. Nel dialetto dei pastori, gli Scarpinocc vengono anche chiamati Orecchi,...

Torta del Donizzetti

Bergamo Consigliato da un membro rotary

Dolce realizzato per commemorare il grande musicista bergamasco Gaetano Donizetti dalla forma a ciambella e dal sapore molto delicato.


Ricetta

Impastare il burro con 120 g di zucchero, aggiungere uno alla volta i tuorli di 8 uova e amalgamare il tutto. Montare a neve 4 albumi d'uovo con 15 g di zucchero e incorporare lentamente al composto precedentemente ...