Pavia
Pavia

Pavia

La Certosa, i castelli antichi, le valli, le montagne e la pianura bagnate dal Ticino e dal Po, sono i luoghi da non perdere nella parte della Lombardia che tocca i diversi paesaggi del Pavese, dell’Oltrepo e la Lomellina. Il pavese è una zona pianeggiante che trova il suo fulcro nella città di Pavia che sorge alla confluenza del fiume Ticino con il Po su un rilievo, al riparo dalle inondazioni e in tempi lontani dagli assalti dei nemici. La Lomellina, oltre la riva destra del Ticino, evoca le coltivazioni di riso e la presenza dell’acqua. Infine l’Oltrepo’, che dopo pochi chilometri di pianura, superata la riva destra del Po, comincia ad inerpicarsi lungo le valli disseminate di vigneti e castelli, fino ai boschi fitti dell’Appennino Pavese, ai confini con l’Emilia Romagna. A completare il quadro delle innumerevoli vie d’acqua del pavese, ci sono i canali. In primo luogo il Naviglio Pavese che nasce nel cuore stesso di Milano, dal Naviglio Grande e giunge fino a Pavia. Costruito da Gian Galeazzo Visconti a partire dalla metà del XIV secolo, lambisce nel suo corso la Certosa di Pavia e alimenta diversi antichi mulini, ancora oggi visibili con il loro caratteristico profilo. Non si dimentichi infine il Naviglio di Bereguardo, che attraversa il territorio a nord, giungendo fino a Milano e che costituisce uno dei percorsi preferiti dai canoisti.

Visitare Pavia e dintorni

Pavia ha conservato del suo glorioso passato medieovale, quando fu uno dei centri più importanti dell’Italia settentrionale, numerosi monumenti. Delle splendide chiese la più importante è il Duomo con una delle cupole più grandi d’Italia e la Basilica di San Michele, capolavoro dello stile romanico lombardo. La visita della città prosegue con il Castello visconteo, un edificio a pianta quadrata con quattro torri e un...

Specialità pavesi

Nel pavese diverse sono le influenze, soprattutto nella cucina: liguri, piemontesi, lombarde. Riso, latticini e carne sono gli ingredienti essenziali di questa gastronomia.La produzione di insaccati eccelle nel salame di Varzi, di denominazione di origine protetta, conosciuto sin dal XII secolo e di gran pregio sono anche coppe, pancette, cotechini e piccoli cacciatorini. Oltre che per i castelli e per i borghi medievali, come Sartirana, Lomello e Scaldasole, la Lomellina...